La Società Aperta
 
 
 
 



Apocrifo o no, si dice che un necrologio di Alfred Nobel che è apparso su un giornale nel 1888 lo abbia descritto come un "Mercante di morte".  Il necrologio era in realtà apparso per errore, perché il signor Nobel era ancora molto vivo. Ma Nobel ha preso questo come un avvertimento sulla sua reputazione e ha fondato l'Istituto Nobel a Stoccolma per assicurarsi che il suo nome non fosse associato solo agli esplosivi e alla morte. I premi Nobel erano destinati a premiare coloro che, durante l'anno precedente, avevano "conferito il più grande beneficio all'umanità". Il premio per la pace doveva essere assegnato a chi avesse reso "il più grande servizio alla causa della fraternità internazionale, nella soppressione o riduzione degli eserciti permanenti, o nell'istituzione o promozione di congressi di pace". L'ultimo vincitore sarà annunciato questo venerdì.

Ci sono state molte discussioni in anticipo rispetto a questo evento sui vincitori del passato. Molti sono incontestabili, almeno ora, anche se non in quel momento. Mi vengono in mente nomi come Martin Luther King e Nelson Mandela. Altri rimangono controversi - un membro del comitato del Nobel, che ha scelto il presidente Obama dopo circa 9 mesi dal suo mandato, ha detto di averlo fatto nella speranza di incoraggiare il governo americano a lavorare ulteriormente per la pace sulla scena mondiale. Sono rimasti delusi. Gli altri vincitori del premio non sono sempre stati all'altezza della loro reputazione - Aung San Suu Kyi, che ha impressionato tutti noi per la sua fermezza nell'opporsi ai dittatori che governano il Myanmar (anche se ciò ha significato trascurare il marito morente), è attualmente coinvolta in accuse di genocidio contro i musulmani rohingya da parte del governo, di cui è il capo. Sembra che a volte ci sia un certo grado di ossessione nella composizione dei vincitori dei premi che può andare a svantaggio del mondo in generale.

Per il premio della pace di quest'anno ci sono 318 candidati - 211 persone e 107 organizzazioni, ma le regole dell'organizzazione dicono che i loro nomi non saranno divulgati per 50 anni. Quindi non saprò mai se il grande artefice della pace, il presidente Trump, è tra quelli considerati. L'Istituto di ricerca sulla pace di Oslo è un'organizzazione che negli ultimi due anni ha prodotto una breve lista che includeva il nome dell'eventuale vincitore. Tra i front-runners da loro menzionati quest'anno ci sono due organizzazioni giornalistiche - "The Committee to Protect Journalists" e "Reporters Without Borders" - anche se dicono che un singolo giornalista può vincere. Anche Alexei Navalny, il politico russo dell'opposizione è stato avvisato da alcuni osservatori del Nobel ancor prima di essere avvelenato. Greta Thunberg non è considerata una probabile vincitrice.

C'è anche la questione di chi avrebbe potuto essere un degno destinatario se non fosse già morto. Ultimamente, ci sono state molte lodi per John Lennon, quell'icona di stare a letto per promuovere la pace nel mondo.  Lennon era un simbolo, se non il simbolo, degli anni Sessanta, il decennio della pace e dell'amore. Questa settimana sarebbe stato l'ottantesimo compleanno di John Lennon. Per alcuni, a quanto pare, il piedistallo su cui si trova è cresciuto ancora di più dopo il suo assassinio. Sir Elton John, che era amico di Lennon, ha detto alla BBC che, se l'ex Beatle fosse vissuto, avrebbe vinto il premio Nobel per la pace. La sua compagna di letto della pace, Yoko Ono però è ancora con noi e quindi forse scopriremo che è lei l'ultima vincitrice del premio. Dopo tutto, ha scritto ‘Imagine’ con John Lennon.


Non sono del tutto sicuro, però, che la ricetta di John Lennon e Yoko Ono per la loro Utopia avrebbe avuto una buona risonanza con la gente di oggi, quando il nazionalismo e le politiche interne sembrano essere sempre più popolari.  La canzona "Imagine" evocava una visione della fratellanza dell'uomo. Non ci sarebbe "nessun paese, niente per cui uccidere o morire" e “nemmeno una religione". E "non ci sarebbero possedimenti e quindi non ci sarebbe bisogno di avidità o fame - e il mondo vivrebbe come se fosse uno solo". Non sono sicuro che la mancanza di possedimenti porterebbe ad un'utopia, a meno che, naturalmente, tutti noi non avessimo libero accesso a tutto ciò che volevamo poter usare e godere. Forse Yoko Ono, che attualmente vale $700.000.000, potrebbe fare da guida. Ma suppongo che se avessimo dei robot per fare tutto per noi e produrre tutto ciò che vogliamo, senza distruggere la terra nel processo, potrebbe funzionare per permetterci di sederci e strimpellare le nostre chitarre. Nel frattempo, forse dobbiamo cercare soluzioni pratiche ai problemi attuali del mondo per cercare di raggiungere la pace nel mondo.

Una persona che ha fatto molto per promuoverla, è un filantropo miliardario - che non è Bill Gates. Mi riferisco a un altro soggetto di tante teorie cospirative, George Soros. Nato in Ungheria nel 1930, ha vissuto l'occupazione tedesca. Da moltissimi anni ha una doppia cittadinanza americana e ungherese. È un finanziere e ha scommesso contro la sopravvivenza della Gran Bretagna nell'MTC. Il mercoledì nero - 16 settembre 1992 - grazie in parte agli sforzi di George Soros, la sterlina si è schiantata fuori dall'MTC e Soros ha intascato un miliardo di dollari di conseguenza. Ha consolidato dunque la sua reputazione come probabilmente il più grande trader di Forex dell'epoca, anche se non molto popolare nel Regno Unito.

Prima di allora, però, nel 1979, era già diventato uno degli uomini più ricchi del pianeta e nel 1979 aveva creato la Open Society Foundation. Essendo riuscito a non essere ucciso durante la seconda guerra mondiale, pur essendo ebreo, è finito alla London School of Economics, quando Karl Popper era lì e aveva recentemente pubblicato il suo libro "La Società Aperta e i suoi Nemici". Si trattava di una critica di vari approcci al funzionamento della società, da Platone a Hegel e Marx, tutti accusati di sostenere società chiuse e autoritarie. Sospetto che egli pensasse che non ci fosse molto beneficio nell'evidenziare i difetti del nazismo. Chiaramente, però, il punto di vista di Popper ha avuto un effetto importante su Soros e quindi, laddove la Fondazione Gates si occupa principalmente di questioni mediche, le varie Fondazioni Soros guardano altrove.


Popper ha sostenuto che nessuna filosofia o ideologia è l'arbitro finale della verità, e che le società possono prosperare solo quando consentono un governo democratico, la libertà di espressione e il rispetto dei diritti individuali - un approccio adottato dalle Open Society Foundations in vari paesi. Cercano di creare opportunità per l'apertura di società chiuse attraverso la concessione di sovvenzioni per l'istruzione. Soros ha iniziato la sua opera filantropica finanziando borse di studio per studenti universitari neri in Sudafrica durante l'apartheid, e per i dissidenti dell'Europa orientale comunista per studiare in Occidente. Oggi le sue Fondazioni finanziano gruppi e individui in più di 120 Paesi. Allo stesso tempo riflettono l'influenza iniziale che la filosofia di Karl Popper ha esercitato su Soros.

Dopo la caduta del muro di Berlino, ha creato l'Università dell'Europa centrale per promuovere il pensiero critico - all'epoca un concetto alieno nella maggior parte delle università dell'ex blocco comunista e ora sotto il nuovo attacco del governo ungherese. Con la fine della guerra fredda, ha esteso la sua filantropia agli Stati Uniti, all'Africa, all'America Latina e all'Asia, sostenendo una vasta gamma di nuovi sforzi per creare società più responsabili, trasparenti e democratiche. È stato una delle prime voci di spicco a criticare la guerra alla droga come "probabilmente più dannosa del problema della droga stessa", e ha contribuito a dare impulso al movimento americano della marijuana medica.


Quindi, essendo io una persona influenzata dal pensiero di Karl Popper in vari modi, e vedendo l'immensa quantità di sforzi e di denaro (32 miliardi di dollari dal 1984) messa in campo da George Soros per liberare le società dalle menti chiuse che le gestiscono, penso che, all'età di 90 anni, sarebbe un candidato molto degno per il premio Nobel per la pace.  Sarebbe certamente un'interessante risposta ai teorici della cospirazione che lo considerano una parte importante del profondo stato. Anzi, forse una delle lucertole extraterrestri che controllano il mondo.

7 ottobre 2020

Paul Buckingham   


 
 
 Home     Caro Diario      Chi sono?       Guestbook